Studiate Calcolo

Questa è la dimostrazione pratica che studiare calcolo, o meglio "Calcolo delle probabilità, statistica, ricerca Operativa", nel trienni informatico di un Istituto tecnico è utile nella vita di tutti i giorni.

Studenti: abbiate fede e studiate tutto quello che vi viene proposto!

Premessa

Il 6 novembre 2007 è stato turbato da una contravvenzione sollevatami per una lampadina rotta, la lampada di posizione posteriore, di giorno, con un sole splendente.

Non volevo rovinare il giorno del mio compleanno e ho lasciato stare, ma il giorno dopo, libro, pc e codice della strada alla mano... ho prodotto.

Opposizione a sanzione amministrativa

(testo con porzioni oscurate XXXX)

Oggetto: Opposizione a sanzione amministrativa.

Il sottoscritto BRAZZALE CLAUDIO , nato il XXXX in XXXX C.F. XXXX residente nel comune di XXXX in via XXXX tel. XXXX Letta la norma dell'art. 22 della Legge 689/81 che sancisce che qualora il ricorrente non sia residente nel Comune di Thiene né abbia provveduto ad eleggere domicilio nel Comune di Thiene, le notifiche a Lui indirizzate verranno eseguite a norma di Legge presso questa Cancelleria del Giudice di Pace, preso atto che nel caso di residenza esterna al predetto Comune sarà onere del proponente presentarsi presso quest'Ufficio al fine di ritirare le comunicazioni a lui indirizzate, considerato che in caso di mancata comunicazione di ogni mutamento di domicilio dichiarato o eletto e/o di residenza, di mancanza, di insufficienza o inidoneità della dichiarazione, tutte le notificazioni saranno eseguite presso la cancelleria del giudice di pace, dichiara di eleggere domicilio in: (indicare se diverso dalla residenza) Cancelleria del Giudice di Pace di Thiene (VI)

PROPONE RICORSO IN OPPOSIZIONE Avverso: Verbale nr. 25569 del 06/11/2007 emesso da POLIZIA LOCALE NORDEST VICENTINO via Rasa 11, 36016 Thiene notificato il 06/11/2007 . A sostegno del proprio ricorso precisa che: (motivi del ricorso)

Nella vita di una autovettura la rottura di una lampadina è cosa assai frequente e imprevedibile, soprattutto dall'entrata in vigore del provvedimento legislativo che prevede l'accensione delle luci anche di giorno in determinate tipologie di strade. Non a caso alla vendita di una vettura, essa viene corredata da un set di lampadine di ricambio proprio per far fronte a questa esigenza. La vettura non viene corredata di altri dispositivi di ricambio quali marmitta, cristalli o altro poiché la rottura di quest'ultimi provoca una mancanza di efficienza evidente della vettura che provoca il fermo della stessa, tale da far provvedere immediatamente da parte del proprietario a sostituire le parti difettose. Solo alcuni modelli di auto, solitamente di categoria medio altra o lusso, possiedono dei dispositivi di segnalazione di lampada guasta; questi dispositivi sono tuttavia alquanto economici, il fatto che non siano stati resi obbligatori fa pensare che l'evenienza di viaggiare con una lampada di cui il conducente non abbia immediato riscontro (anabbaglianti, abbaglianti, indicatori di direzione) non funzionante non sia motivo di inefficienza del veicolo tale da implicare il fermo dello stesso. Diversamente, grazie alle migliorie tecnologiche, l'abs si è dimostrato un dispositivo indispensabile, è stato apprezzato dal legislatore ed è stato reso obbligatorio per tutte le nuove vetture, si tratta di un dispositivo ben più costoso del segnalatore di lampada bruciata ma ritenuto dal legislatore parte indispensabile per la sicurezza stradale, dandone ruolo importante per l'efficienza del veicolo. La vita di una lampadina ad incandescenza non è prevedibile né per durata minima che massima: la natura ad incandescenza, i coefficienti di evaporazione del tungsteno di cui è fatto il filamento e la casualità ed intensità delle vibrazioni causate dallo stato dissestato di alcune strade possono abbreviare particolarmente la vita di una lampada anche a poche ore di funzionamento. Le case costruttrici nei libretti di manutenzione dichiarano in maniera esplicita tempi e metodi per la sostituzione di componenti che realmente compromettono l'efficienza del veicolo quali: cinghia di distribuzione, freni, circuito oleodinamico; non viene riportata la ciclicità di controllo per le lampadine, la manutenzione delle stesse viene trattata solo a bruciatura già avvenuta. Il controllo comunque viene effettuato alle revisioni periodiche, senza che effettivamente vi sia l'obbligo di sostituzione delle lampade anche in assenza di rottura. Nel giorno in cui mi è stata contestata la violazione di cui all'art 79, commi 1° e 4° avevo appena portato la mia vettura (non quella con la quale sono stato fermato) ad un tagliando, sono stato condotto presso la mia abitazione da un amico e ho preso la vettura di mia madre. Non avendo il cancello carraio elettrico sono costretto ad uscire dalla vettura e ho preso l'abitudine di controllare lo stato d'efficienza di pneumatici e lampade. Devo perciò ipotizzare che la rottura della lampada incriminata sia avvenuta tra la mia abitazione e il luogo dove sono stato inseguito e fermato dalla Polizia Locale. Gli agenti non mi hanno domandato se possedevo le lampade di ricambio, non hanno nemmeno verificato se il non funzionamento era dovuto a fatto casuale o manomissione. Ho dimostrato personalmente il mio stupore nel constatare la lampadina guasta. Secondo le teorie più sofisticate del calcolo della probabilità, in presenza di così tante variabili decisionali nella vita di una lampadina, risulta molto improbabile la rottura contemporanea di due o più lampade contemporaneamente se non in presenza di rottura sostanziosa all'impianto elettrico della vettura, provocando danni ben più gravi. Questa serie di problematiche mi è molto familiare in quanto nel mio lavoro di insegnante, solitamente agli alunni di Quarta ITIS proprio nella disciplina Calcolo, Probabilità, Statistica e Ricerca Operativa si fanno studiare le distribuzioni di probabilità: capita come esempio principe l'analisi del ciclo dei guasti di una lampadina o di un generico componente elettronico, anche affetto da deriva elettrica quali transistor o circuiti integrati, per lo studio del MTTF (Mean Time To Failure) e del MTBF (Mean Time Between Failure). Per questi studi si attua una analisi da affrontare secondo i modelli matematici con la distribuzione esponenziale f(x)=alpha*e^(-alpha*x) oppure in alternativa con la distribuzione di Weibull ( f(x,alpha,beta)=(alpha/(beta^alpha))*x^(alpha-a)*e^((-x^alpha)/beta) ) per la quale il caso particolare alpha=1 di riconduce alla distribuzione esponenziale. Omettendo triviali e lunghi calcoli specifici, in tal caso, con la quasi certezza, si potrebbe asserire che la rottura della seconda lampada possa avvenire minimo con un mese di scarto dalla rottura della prima. Non effettuare il controllo per tre settimane/un mese avrebbe quindi giustamente costituito una mancanza di controllo di efficienza del veicolo, sottolineando negligenza nella manutenzione. Con una sola lampada rotta è pura malafede considerare il guasto trascurato da un tempo che non sia quello operativo per un cambio di una lampadina, ossia arrivare a casa e cambiarsela oppure recarsi presso una officina, magari nelle condizioni di traffico diurno e senza impedimenti atmosferici come nel giorno della contravvenzione tali da non costituire affatto pericolo per la circolazione. Ricevere una contravvenzione vuol dire dover privarsi di denaro (ed eventualmente di punti patente) affinché chi la riceve sia più sensibile al rispetto della norma che ha violato. Se uno prende una contravvenzione per sosta scaduta con disco orario nelle occasioni successive di sosta regolamentata starà molto più attento nel controllare il disco orario e nell'impostarsi una sveglia o un promemoria che ben segnali l'orario di scadenza della sosta. Nel caso in oggetto questa contravvenzione cambierà il mio comportamento? In virtù della casualità della vita di una lampadina provvederò a cambiare tutto il parco lampade (piu' di 16) ogni settimana per poter garantire quasi totalmente ma mai con certezza assoluta la funzionalità al 100%? L'equipaggiamento del veicolo da me guidato, senza segnalatore di lampada guasta, fa considerare inefficiente la vettura nel caso del guasto di una lampadina, di cui ho riscontro comunque ogni volta che apro e chiudo il cancello di casa mia? Da solerte cittadino rispettoso della legge, a casa, mentre mi accingevo a cambiare la lampada, dopo una vibrata manata al fanale osservavo stupito il funzionamento rinnovato della lampada in questione. Un successivo controllo da parte di un elettrauto ha escluso la necessità di alterare l'impianto elettrico per questa disfunzione e constatato l'efficienza della lampadina. Per queste motivazioni, visti i fattori costruttivi, la natura fisica delle lampade, le condizioni ambientali, lo studio dei guasti, posso considerare che il non funzionamento di UNA lampadina non compromette la perfetta efficienza della vettura alla quale ero alla guida.

Per i motivi sopra esposti chiede che la S.V. voglia disporre:

La provvisoria sospensione dell'esecutorietà del sopraindicato atto

L'annullamento dell'atto impugnato

La restituzione del mezzo _______________ sequestrato a seguito dell'applicazione della sanzione accessoria del fermo amministrativo (indicare altri eventuali richieste) ______________________________________________

Il sottoscritto dichiara di essere a conoscenza:

1)che il ricorso a pena inammissibilità va presentato al Giudice di Pace competente per territorio (luogo dove è stata commessa la violazione);

2)che così come stabilito dall'art. 204-bis il Giudice di Pace nel determinare la sanzione non può scendere al di sotto del minimo previsto dal codice, né escludere l'applicazione di sanzioni accessorie o la decurtazione di punti dalla patente di guida;

3)che così come stabilito dalla legge “[...] Non viene data consulenza legale alle parti.

Le parti che ricorrono ex art. 22 L 689/81 avverso sanzioni amministrative, non vengono ricevute dai Giudici fino al giorno dell'udienza”.

Letto e sottoscritto In fede, il _______________________

FIRMA ____________________________________________

Conclusione

All'udienza presso il giudice di pace la contravvenzione e la sanzione amministrativa sono state annullate.