Antenne

Oltre alle antenne di serie (o meno) alle varie ricetrasmittenti, ho la soddisfazione di realizzarne alcune, che menziono sempre con la sigla bbm (built by me).

L'attività è cominciata tanti, troppi, anni fa quando operavo come CB, e realizzai un dipolo casereccio ripiegato, senza accorgimenti particolari, senza conoscere l'utilità dei bal-un, senza sapere dell'impiego degli strozzatori (choke), senza sapere che in base alla geometria cambiava l'impedenza, e tante altre cose.

Lo ancorai tra un filare di vite ed un altro con dell'ottimo filo isolante ad uso agricolo (el filo da fén) e discendevo alla sottostante Visa II Club unita di ricetrasmettitore CB con interposto il necessario rosmetro/accordatore.

Il tutto con scarse soddisfazioni e scarsi risultati.

Adesso da radioamatore, giovando della lunghezza d'onda più contenuta con le UHF e VHF, mi sono cimentato a riprodurre alcune antenne con i progetti che si trovano su internet.

VHF/UHF Opensleeve bbm

Basata sul progetto già realizzato dal mio collega IZ3TVL e visibile anche a questo riferimento (LINK), realizzo il progetto con l'obiettivo di avere una antenna quanto più leggera possibile.

Scelgo quindi il supporto orizzontale non quadrato ma a C, ci aggiungo delle L in pvc per sostenere le due sezioni radianti e riciclo un vecchio connettore BNC da una vecchia scheda di rete. Successivamente con l'ausilio di un altro pezzo di L in pvc e altre fascette sostituisco il BNC con un SO-239 già orientato verso il morsetto di sostegno.

Forse 12€ di ferramenta presa al brico di turno, il tempo necessario all'assemblaggio, ed ecco realizzata al primo colpo questa direttiva che sia in Vhf che in Uhf rende ottimamente con un ROS di 1:1 nei rispettivi centrobanda.

Sostegno per la Opensleeve BBM

Il progetto sopradescritto necessita di un palo metallico di sostegno, che funge da riflettore.

Giro qualche negozio per scoprire che un semplice palo da due o tre metri viene a costare dai 20 ai 40 €. Non ha senso per me avere il palo che costa due, tre, o quattro volte l'antenna!

Con spensieratezza passo per il supermercato e con leggerezza compero tre manici di scopa metallici, ne scapuccio due, rimodello l'attacco a vite di uno scapucciato e di uno no, taglio due pezzi di tubo da 25mm diametro di plastica per impiante elttrici e con soli 5€ ecco il mio supporto picchettabile, modulare, portatile, superleggero per opensleeve!

Aggiungo tre fascette velcro e sei fascette in plastica riapribili ed ecco confezionato il pacchetto compatto.

VHF/UHF J-POLE  BBM

Con l'idea di costruire qualcosa di semplice, leggero ma stavolta omnidirezionale, mi documento sul progetto della J-pole bibanda come da progetto a questo link.

Preso uno scarto di lavorazione dalla scuola, me lo faccio tagliare e piegare e poi vado in ferramenta per integrare i pezzi mancanti, riciclando ovviamente qualcosa dall'antenna precedente per un totale di meno di 8€.

Trapano, cacciavite, colla a caldo e un po' di pazienza ed ecco realizzata questa stupenda antenna.

Il test del rosmetro passa a pieni voti, anche qui in piena resa con ROS 1:1 per entrambe le bande

UHF SlimJim4HandHeld

Test, prove ed esperimenti mi fanno scoprire che le miniantenne di serie alle mie vecchie Yaesu Musen FT-73R sono da considerare un ripiego, non elementi radianti e riceventi.

L'idea quindi per poter gustare l'uso di queste radio, è di munirle di un'antenna più prestante mantenendo la modalità d'uso, ossia portatili.

Vedo molti progetti fatti di filo armonico, bobile bruttine e compromessi, ma la mia attenzione ricade ancora sulla geometria dell'antenna J-pole, ma scopro la variante dell'elemento congiunto (Super J-pole) e la variante dell'elemento ripiegato (SlimJim).

Vedo quindi questo progetto, consultabile a questo link. Penso ad un supporto rigido e leggero che possa garantirmi la spaziatura di 15mm e la mia scelta ricade su un profilo angolare da 11,5x11,5mm in pvc.

Prima prendo un pezzo di cartone, con lo scotch lo irrigidisco angolandolo e sempre con lo scotch fisso del filo verniciato, acquistato decadi fa in qualche fiera, con la giusta geometria. Taglio empiricamente un vecchio cavo di rete RG58 intestato BNC e lo fisso.

Le prime prove sono entusiasmanti, sensibilità sorprendente e accordatura fantastica.

Prendo il profilo in pvc e porto l'antenna su questo supporto rigido, smussando gli angoli e praticando piccoli fori e intagli.

Leggerissima (55g) rigida ed elegante, scopro di averla fatta leggermente (1,5mm) più lunga e vengo punito con un ros di 1:1,4 in centro banda.

Rifinisco i due intagli periferici, tiro il filo e sistemo le saldature ed ecco che il Rosmetro mi segna fieramente 1:1,1: promossa.

E con questa mi diverto a coprire lunghe distanze, senza dover installare nulla, solo in Uhf